Notizie

4 settembre 2020

Sei storie per l’estate. Storia n. 5 – Uno scudo longobardo

Scanzo umbone br

ARCHEOLOGIA E SCIENZE SOTTO I RIFLETTORI 
I Longobardi erano un popolo dalla spiccata vocazione guerriera e solo i maschi in grado di portare le armi godevano di pieni diritti.
Il ruolo guerriero era enfatizzato nelle sepolture dalla deposizione di intere panoplie ed è per questo che è giunto fino a noi l’umbone di uno scudo longobardo rinvenuto fortuitamente a Scanzo (BG) nel 1845, probabilmente proprio da una tomba andata distrutta.
L’umbone di ferro, di cui oggi si ripropone la collocazione su una ricostruzione di scudo, è decorato con una figura di triquetra in bronzo dorato, uno dei motivi decorativi più diffusi, soprattutto nel territorio dei ducati longobardi di Bergamo e Brescia. È un simbolo che aveva probabilmente funzione apotropaica e richiama in modo molto forte l’universo di credenze pagane tradizionali dei Longobardi.
Sapete cosa rappresenta?
Venite a scoprirlo!
Potete vedere lo scudo tutti i giorni in orario di apertura o ascoltarne la storia:
sabato 12 settembre e domenica 13 settembre ore 17,30
sabato 26 settembre e domenica 27 settembre ore 17,30
E non perdetevi la storia n. 6 di settembre al Museo di Scienze!
Orari di apertura del Museo Archeologico nel mese di settembre:
giovedi          10,00-13,00 / 14,00-18,00
venerdì          10,00-19,00
sabato           10,30-18,30
domenica      10,30-18,30